22 Agosto 2016

Durante la notte ci sono stati violenti temporali ed al nostro risveglio siamo completamente avvolti dalla nebbia, ce la prendiamo comoda nella speranza che esca il sole e ci permetta di salire con la funivia a l’ Arapietra per poi raggiungere a piedi la madonnina del Gran Sasso.

Dopo alcune ore di inutile attesa desistiamo, mettiamo in moto destinazione Isola del Gran Sasso nelle cui vicinanze è ubicato il santuario di San Gabriele, uno tra i più visitati al mondo, breve visita in quanto non lo troviamo così interessante.

Nuovamente in marcia destinazione Castelli di Abruzzo paese annoverato tra i più bei borghi d’Italia, il paese inoltre è famoso nel mondo per la sua ceramica, lavorazione che risale al 1550.

Anche questo paese ha risentito fortemente del terremoto ed oltre il 50% delle abitazioni risultano lesionate.

Pranzo presso il ristorante Iolanda con antipasto reale della casa, a seguire taconcelle con sugo alle erbette del Gran Sasso.

Scendiamo ora verso Farindola paese famoso per la produzione di un particolare formaggio fatto con il latte di pecora ed il caglio di suino che desideriamo assolutamente assaggiare.

Purtroppo le persone incaricate di gestire il consorzio non si rendono disponibili (con grande arrabbiatura di mia moglie) e salta la degustazione, in compenso compro una bombola propano ad un prezzo irrisorio e faccio il pieno del camper con un prezzo del carburante mai visto prima.

Tira un forte vento e la Piana di Campo Imperatore è completamente avvolta dalla nebbia, rinunciamo alla salita e ci dirigiamo verso Castel del Monte dove sostiamo per la notte presso l’area adiacente ai campi sportivi.

Notte con forte vento e freddo. 

Vedi le mie foto Prosegui il viaggio