Alla foce del Guadalquivir


Terminata la visita, puntiamo su Jaén, la città che vanta la maggiore produzione di olio di tutta la Spagna, da non perdere la cattedrale progettata da Andres de Vandelvira che rappresenta uno degli esempi più straordinari di architettura rinascimentale in Andalusia. Qui acquisteremo a peso d’oro alcuni etti del famoso “Jamòn Iberico de Bellota”, conosciuto dai più come “Pata Negra” il prosciutto più caro al mondo, ne vale comunque la pena una degustazione davvero sublime.

Jaén – Cattedrale dell’assunzione

Abbandonata Jaén ci inoltriamo in una zona montagnosa caratterizzata da enormi boschi e da piccoli paesi, attraversiamo la Sierra di Magina, nostra destinazione il cuore del parco naturale de la “Sierra di Cazorla, Segura y las Villas”. Cazorla ne rappresenta il punto migliore per dare inizio alla perlustrazione del parco. Sosta notturna tra gli ulivi, in questa cittadina che pare affacciarsi dalle scoscese pendici della roccia dei falchi. Questo magnifico parco di incredibile bellezza dove le montagne vengono tagliate di netto da scoscesi dirupi dove nidifica l’aquila reale, il falco, il nibbio ed il gipeto e le sue valli sono attraversate da una moltitudine di fiumi e ruscelli, da cui ha origine il Guadalquivir.

Veduta del paesino di Cazorla

Noi ci lasceremo il paese alle spalle per andare alla scoperta della sua sorgente

El Chorro rifugio dei rapaci che popolano la zona

Non sappiamo ancora quanto sarà difficile questa conquista, prima si abbandona il docile asfalto per un più impegnativo sterrato che ci costringe dopo una decina di chilometri a lasciare i mezzi per proseguire a piedi……… saranno ben 24 km tra andata e ritorno.

Pediluvio rinfrescante alla foce del Gualdaquivir

In considerazione della lunga passeggiata torneremo ai mezzi che sono le 21.00, decidiamo quindi di passare la notte tra i boschi del parco. In men che non si dica ecco organizzata una magnifica cena all’aperto sotto la volta di un cielo composta da una moltitudine infinita di stelle…. o forse è la totale assenza di luce che ci fa apprezzare al meglio questo spettacolo naturale.


Parking notturno

Scende la sera

Vedi le mie foto Prosegui il viaggio