La città vecchia

Al mattino al risveglio andiamo subito alla scoperta della città vecchia “Stare Mesto” in lingua locale, passiamo sotto la Torre delle Polveri che in passato rappresentava il monumentale accesso alla città vecchia, ed attraverso il quale passava il corteo dell’incoronazione dei re Boemi.

Attraverso una serie di vie pedonali sulle quali si affacciano lussuosi negozi giungiamo in Piazza San Venceslao dominata dalla statua equestre del Santo.

In realtà più che una piazza si tratta di un largo viale, fu proprio qui che il 16 gennaio 1969 si diede fuoco lo studente universitario Jan Palach in segno di protesta contro l’invasione dei carri armati russi avvenuta nel corso dell’anno precedente per mettere tragicamente fine a quella stagione di riforme nota come “la Primavera di Praga”.

Da qui il passo è breve ed eccoci sul famoso Karluv Most il ponte di Carlo che collega la città vecchia ai quartieri di Mala Strana. C’è veramente tanta gente che si fatica a scorgere le sponde del ponte……………come sono lontani i tempi quando sul ponte oltre a noi  c’erano solo pochi praghesi infreddoliti che si affrettavano per andare al lavoro o rientrare a casa.

Immancabile lo sosta sotto il municipio allo scoccare dell’ora quando il vecchio orologio astronomico dà inizio al suo spettacolo.

Continuiamo a girovagare senza meta anche quando ormai sono scese le tenebre tra le vie acciottolate della città vecchia per poi salire sulla torre municipale e poter così ammirare il panorama da un punto privilegiato.  

Vedi le mie foto Prosegui il viaggio