L'antro dei falsari

In una tiepida giornata di novembre, come solo la nostra Riviera ci sa regalare, lasciamo Genova per raggiungere la cittadina di Varigotti. Da qui parte il sentiero del pellegrino, cosiddetto in quanto frequentato in antichità da numerose persone che giungevano qui anche da lontano per visitare le numerose chiese che si incontrano lungo il percorso ed ormai sconsacrate.

Il sentiero si sviluppa lungo il Capo Noli con belle vedute sia dei monti che del mare ed è adatto anche ai bambini anche se nella sua fase iniziale parte con una bella salita che serpeggia attraverso belle coltivazioni di olivo. Si sale inerpicandosi verso il promontorio di Punta Crena, da cui si domina la Baia dei Saraceni raggiungendo in breve tempo uno splendido balcone da cui si gode un panorama mozzafiato sul mare.

Prima di giungere alla bella chiesetta di San Lorenzo si incontrano ai lati del sentiero una serie di rocce addobbate con una serie di cimeli marinari in lingua inglese, ancora pochi passi e si arriva. alla “Torre delle Streghe” una torretta costruita dai Nolesi per volontà di Genova che in questo modo intendevano garantire i propri confini dalle continue scorribande dei Varigottini. Per tale costruzione i Varigottini protestarono chiedendo l’intervento degli spagnoli che per voce dell’imperatore né ordinarono la demolizione. I genovesi però ben si guardarono di dare corso a tale imposizione e la torretta rimase al suo posto. Successivamente a scherno delle donne di Varigotti i Nolesi presero a denominarla quale “Torre delle streghe”. Ancora oggi sorge massiccia sul ciglio di una falesia chiamata “termine” ad indicare la funzione di confine tra Noli e Varigotti.

Da qui si prosegue sul tranquillo sentiero del Pellegrino con belle vedute sul golfo di Noli e sull’isola di Bergeggi, giunti ad un tornante si prende a destra seguendo l’indicazione “Antro dei falsari”. Si scende lungo un ripido sentiero ed in dieci minuti si raggiunge l’imbocco della grande e suggestiva grotta rivolta verso il mare.

Da qui non resta che riguadagnare il punto di partenza seguendo un tratto di Aurelia.

Vedi le mie foto Ritorna al menù