Le saline

Un angolo di Sicilia tra i più suggestivi, lasciata la città di Erice siamo scesi verso Trapani dove abbiamo visitato la sua salina per poi imbarcarci sul traghetto destinazione l’isola di Mozia.

Qui, nella laguna dello Stagnone, è tutto un gioco di luci e colori dove il paesaggio è dominato dalle saline e dai mulini a vento, Mozia antica colonia fenicia costruita su una delle quattro isole della laguna, nel secolo scorso venne acquistata da un facoltoso nobile inglese Giuseppe Whitaker che intraprese una campagna di scavi trovando numerosi reperti fenici oggi esposti nel locale museo. Famosa la bella statua in marmo rinvenuta nel 1979 sepolta sotto uno strato di argilla detta il giovinetto di Mozia in quanto raffigura un giovane maschio in abiti panneggiati.

Riprendiamo il traghetto e torniamo a Marsala per visitare le cantine Florio, purtroppo non ci sono più visite guidate in giornata allora ci spostiamo a Torre Graticola per fare un bel bagno e trascorrere la notte cullati dal rumore delle onde.

Il poeta Incisore Peppe Genna

Ora chi si cà Adesso che sei qui
chistu è u puntu chiù bedru du munnu Questo è il punto più bello del mondo
quannu u turista viremu arrivare. quando il turista vediamo arrivare
cà u facemu girari ntunnu. o facciamo girare nel canale rotondo
cù stà vaica mari mari con la barca in mezzo al mare.
Rindra u mulinu presta a spiegari. dentro il mulino presto a spiegare
tutta la storia di la salina tutta la storia di questa salina
tuttu meritu di l’aqua dù mari. tutto merito dell’acqua di mare
di stà biancura ginuina di questa biancura genuina.
mentri Mozia li talia mentre Mozia li stà a guardare
ogni turista ci voli iri. ogni turista sente nostalgia
picchi senti nustazia presto lì ci vuole arrivare
si paitti e la va biri per visitare il museo e l’archeologia
toinna cuntentu e sudisfattu torna contento e soddisfatto
cè cu a pitta e cu ci schivi pitturando storia e cose vere
ci prumetti e ci fa un pattuci prometti e ci fà un patto
va o cafè mamma Caura e ci và bivi và al caffè mamma Caura e và a bere
cu a schissi a pighiau du corichi l’ha scritto l’ha preso dal cuore
cu l’aiutu da sò pinna con l’aiuto della sua penna
Peppe Genna pueta incisori Peppe Genna poeta incisore
Ettore e Infersa, du munnu tu sì Ettore e Infersa del mondo tua sei
l’antenna l’antenna

Vedi le mie foto Prosegui il viaggio